Attività 2019/2020


PAROLE “MURO” E PAROLE “PONTE”

pubblicato 14 nov 2019, 21:49 da Eva Lenardon


9 novembre 1989: cade il muro di Berlino. Cambia la storia, ma non è soltanto la storia a cambiare! Cambia una nazione, cambia l’Europa intera, cambia il mondo! Quei picconi che hanno divelto il muro resteranno impressi nella mente e nel cuore di generazioni di persone. Qualcuno ha voluto dire: “BASTA!” Basta alla diversità, alla disuguaglianza, alle barriere non solo materiali, ma anche invisibili e interne ad ogni ideologia di segregazione e discriminazione. Le notizie volano, i notiziari impazzano e l’evento fa presa e viene ricordato da tutti come simbolo di cambiamento e di speranza.

Noi, in cuor nostro e nel nostro piccolo, abbiamo voluto ricordare questo importante “Momento” cercando di ricreare a scuola un muro. Ci siamo chiesti che cosa rappresenti per noi questo muro e quali parole avremmo potuto associare a questo “abominio” dell’ingegno umano. Tema, quanto mai più attuale!

Anche se il muro di Berlino oggi non c’è più, quanti muri e quante barriere reali, insuperabili e cinte persino da filo spinato esistono, ahimè, ancora al giorno d’oggi? Militari che perlustrano e presidiano, con cani a guinzaglio, le zone limitrofe a questi molossi dell’ingegneria…Sembrerebbe una notizia antica, che non ha più attinenza con il mondo d’oggi… eppure non è così! Riguarda il nostro presente e ci tocca davvero da vicino!

Come poter rimanere indifferenti davanti a tanta disparità e stretta vigilanza? Dov’è finita la libertà dell’uomo?

Popoli diversi e realtà differenti… Siamo partiti dal muro che separava due gruppi di persone, gli “Zighi” dagli “Zaghi”, per raccontare qualcosa di molto significativo.

Di questi gruppi, ogni gruppo aveva una consuetudine diversa sul modo di fare colazione: mentre gli “Zaghi” imburravano il pane dalla parte in alto, i suoi “vicini”, gli “Zighi” lo imburravano dalla parte sotto. Allora i due guardiani del muro cominciano una guerra che non ha mai fine.

Ecco le parole che hanno segnato il nostro muro, le “parole muro”, così le abbiamo chiamate! Vergogna, barriera, disuguaglianza, disprezzo, ombra, divisione…Questo significa per noi erigere un muro e, proprio per questo, abbiamo voluto abbatterlo, ricordando quel lontano giorno di novembre…e lo abbiamo fatto anche noi con un piccone!

Anche noi abbiamo detto BASTA a tutto questo! Basta ad ogni tipo di muro! Non solo a quelli concreti e reali, ma anche a quelli invisibili che si creano tra le persone e le dividono!


Ora però anche noi abbiamo volto lo sguardo altrove…davanti a noi un orizzonte tutto nuovo da scoprire e da condividere: un ponte lungo un sogno! Ed ecco le nostre parole ponte: “unione”, “rispetto”, “uguaglianza”….!”

Grazie a tutti per l’attenzione!

Le classi terza e quinta della scuola primaria “G. Mazzini” di Villesse.


San Martino - Castagnata alla Scuola Primaria di Romans d'Isonzo

pubblicato 11 nov 2019, 06:32 da Eva Lenardon


Castagne, pizza, canzoni e tanta allegria alla castagnata in occasione della festa di San Martino.
Il tempo inclemente non ha permesso la visita all'orto botanico, ma non è riuscito a fermare l'entusiasmo dei bambini che hanno salutato gli ospiti con due canzoni eseguite a cori riuniti, quello della scuola di Romans d'Isonzo e quella di Villesse.
Un ringraziamento speciale ai rappresentanti dell'Associazione I Scussons, ai sindaci, alla rappresentante del Corpo Forestale Regionale, alla DIrigente Scolastica e ai collaboratori scolastici.


8 novembre 2019 - La castagnata!!

pubblicato 11 nov 2019, 06:08 da Eva Lenardon   [ aggiornato in data 11 nov 2019, 06:14 ]


Scambio di regalini, scorpacciata di castagne e giochi insieme! Anche quest'anno la castagnata è stata un momento per rivedere i compagni di gioco più piccoli, per cantare assieme e offrire, e ricevere, un piccolo dono in segno della nostra amicizia.
La cosa più bella però è mangiare una delizia autunnale come le castagne grazie all'aiuto degli alpini e alla consueta gentilezza della signora Susi e di tutte le collaboratrici della scuola dell'infanzia.


I RAEE da rifiuto a risorsa

pubblicato 31 ott 2019, 10:44 da Eva Lenardon

        Nell'ambito del progetto Ambientemente promosso dai Comuni di Romans d'Isonzo e di Villesse, i bambini delle classi 4^ e 5^ delle scuole primarie "V. Alfieri" e "G. Mazzini" hanno partecipato a dei laboratori sull'educazione ambientale sul riciclo dei RAEE (i rifiuti di apparati elettrici ed elettronici). Si ringrazia per la collaborazione l'associazione Scienza under 18.

 
 
 
 

Premiati gli alunni della primaria di Villesse

pubblicato 25 ott 2019, 12:17 da Eva Lenardon

Grande partecipazione a Villesse alla sesta edizione della marcia del donatori di sangue "La strada dai fasans", promossa dalla sezione della Fidas isontina Sclaunich con il patrocinio del Comune e della Fiasp. Sport e dono del sangue è un binomio che da sempre contraddistingue questa manifestazione. La partecipazione di 710 concorrenti provenienti da tutta la regione e quella delle famiglie e delle scuole del paese ha decretato il successo della manifestazione sportiva svoltasi nelle campagne. In programma quattro percorsi di 5,7,12 e 16 chilometri. Soddisfatti gli organizzatori con in prima fila il presidente Fidas Nicola Moschion e anche il sindaco Claudio Deffendi. Al termine della gara si sono svolte le premiazioni con l'assegnazione dei riconoscimenti ai gruppi più numerosi e alle scuole. La classifica finale dei gruppi è stata la seguente: Donatori di sangue Campolongo Tapogliano (95 iscritti), Gruppo Marciatori Olmo (67), Mark Sempeter (27) Gruppo Marciatori Millepiedi (25),Teenager (15) e Fogliano Pro Loco (10)Tra le classi delle scuole sono state premiate la classe 4a (17 partecipanti), la classe quinta (10), la classe prima (9), la classe seconda (8), la classe terza(5). (Piccolo 25/10/2019) 





25 ottobre - Un libro lungo un giorno

pubblicato 25 ott 2019, 06:33 da Eva Lenardon

Incursioni letterarie alla scuola Primaria "G. Mazzini" di Villesse grazie alla presenza della signora Mara che anche quest'anno ci ha fatto viaggiare in posti lontani, incontrare personaggi un po' strani, confrontare con sentimenti profondi,  immergere in tante avventure restando comodamente seduti nelle nostre aule.

20 ottobre 2019 - Marcia "La strada dai fasans"

pubblicato 18 ott 2019, 05:24 da Eva Lenardon

    Domenica  20 ottobre 2019 l'associazione dei donatori volontari di sangue di Villesse, organizza la  6ª MARCIA ‘LA STRADA DAI FASANS' alla quale la scuola primaria di Villesse partecipa da alcuni anni.
La partenza è prevista dall'Area festeggiamenti di via Zorutti.
Ci troveremo alle ore 9.00 per fare "il gruppo" della scuola primaria; vi aspettiamo numerosi per passare insieme una domenica diversa, facendo insieme una bella passeggiata salutare alla scoperta delle parti meno trafficate di Villesse e per sostenere l'associazione donatori volontari di sangue.

5 ottobre 2019 - Puliamo il Mondo

pubblicato 6 ott 2019, 10:50 da Eva Lenardon

Più di 50 bambini della scuola Primaria di Villesse assieme alle loro famiglie hanno contribuito a far risplendere il paese di Villesse.
Bardati di tutto punto, con guanti cappellino e pettorina di Legambiente hanno raccolto, suddividendoli nei vari sacchi a seconda del materiale, i rifiuti abbandonati.
Il lavoro svolto ha liberato i bellissimi prati che circondano il paese dalle immondizie, non molte per fortuna!
La mattinata si è svolta tra l'allegria dei bambini unendo l'utile, la raccolta dei rifiuti, al dilettevole, una bella passeggiata tutti insieme terminata con una buonissima pastasciutta.
Un grazie all'Amministrazione Comunale che anche quest'anno ha organizzato l'iniziativa in collaborazione con Legambiente, Protezione Civile, Circolo al Laghetto e con gli immancabili, e insostituibili, Volontari del verde.

28 settembre 2019 - La Lucciolata

pubblicato 6 ott 2019, 10:32 da Eva Lenardon





Come ogni anno è stata numerosa la presenza di bambini, famiglie e persone di Villesse che hanno voluto esserci per dare un piccolo, ma significativo aiuto all'Associazione Via di Natale.



I nostri bambini hanno costruito un dono con un significato speciale: un "acchiappa sogni". Uno per ogni classe, ognuno con materiali diversi, ma tutti con lo scopo di catturare i sogni più belli, gli attimi più felici che possano illuminare le grige giornate di chi è chiuso tra le pareti di un ospedale.


"Il nostro pensiero va a chi sta soffrendo per mali del corpo.
Un letto, una stanza chiusa... E la mente che si ingrigisce, travolta dal senso di impotenza e dalla tristezza.

Da tale consapevolezza, l’idea di un umile dono: senza pretesa alcuna. Solo per la voglia di esserci: stare accanto simbolicamente con un pensiero di Luce.

Nascono così i nostri acchiappasogni.

Nei cuori in carta da pacco, il nostro affetto e il nostro virtuale calore; nelle perle e nelle bolle scintillanti, i nostri e vostri sorrisi brillanti; nelle conchiglie e nei campanelli tintinnanti, decisi guerrieri a scacciare incubi che poi, su leggiadre piume d’uccello, si dissolvono e scompaiono.

Che tra i fili intrecciati possa scorrere energia positiva! Che tra trame e nodi rimangano impigliati i sogni di sempre, le emozioni più vere e i ricordi più belli!

Con affetto

Gli alunni e le maestre della Scuola primaria “G. Mazzini” di Villesse"

1-9 of 9